Al confine tra Lecce e Taranto, sulla spettacolare costa Ionica, la natura ha disegnato un incantevole ritrovo per gli amanti del mare, un paradiso terrestre comunemente conosciuto come Spiaggia Punta Prosciutto di Porto Cesareo!

La natura incontaminata si lascia scoprire dal turista per concedergli un attimo di inaspettato stupore e una lunga vacanza all’insegna della riscoperta dell’amore per l’ambiente selvaggio.

Gli ingredienti sono sempre gli stessi, acque pure, cristalline e incontaminate, lunghe spiagge di sabbia sottile e bianchissima, ideali per infinite passeggiate rilassanti e un caldo sole salentino, il tutto in una deliziosa cornice di verde e profumata macchia mediterranea: questo è quello che il Salento riesce ad offrire, questo è quanto basta per godere della meravigliosa terra del mare!

La Spiaggia Punta Prosciutto di Porto Cesareo, conosciuta anche con il nome Palude del Conte, è situata nei pressi di Torre Colimena, posta al confine tra la provincia di Lecce e quella di Taranto, all’interno del Parco Naturale Regionale, che include anche l’Area Marina Protetta.

L’antica torre, originariamente conosciuta con il nome di Torre Gulimena, attualmente appartiene al comune di Manduria, ma fa parte dell’asse di torri ioniche costruite sotto il regno di Carlo V a difesa della costa dalle invasioni dei pirati che provenivano dal mare.

Si dice che la torre sia stata costruita per mano di un maestro leccese, Camillo Chiarello, lo stesso che ebbe l’incarico di dar vita a Torre Inserraglio.

La rara bellezza della spiaggia Punta Prosciutto è preservata dall’assenza di stabilimenti balneari e resort che ne modificherebbero l’originario aspetto. L’accesso alla spiaggia è libero, anche se non manca un’efficiente servizio di salvataggio volontario, attivo nei mesi estivi, grazie alla collaborazione della Guardia Costiera di Porto Cesareo, il tutto per garantire massima tranquillità a chi vuole godere del relax di spazi liberi e incontaminati, senza alcun pericolo per l’incolumità propria e altrui.

Bellezza naturalistica e sicurezza personale e ambientale rappresentano il giusto compromesso per offrire al turista un indimenticabile soggiorno. Inoltre, non è da sottovalutare la bellezza dei fondali bassi e sabbiosi, ideali per immersioni e per una rinfrescante balneazione.

Punta Prosciutto, inoltre, rappresenta il luogo ideale per chi volesse praticare gli sport acquatici come, ad esempio, il windsurf o il kitesurf e altro ancora.

Ma la meravigliosità del luogo non si esaurisce in un sold-out dei mesi estivi, perché la natura selvaggia e incontaminata è in grado di trasmettere forti emozioni anche a stagione balneare chiusa.

Basti pensare alle lunghe spiagge che da ottobre diventano deserte, quando spira una leggera brezza marina che ti coccola il viso e ti apre i polmoni. Quando ormai il chiasso delle comitive estive è solo un ricordo lontano e passeggiando sul lungo arenile si ha l’impressione di essere i padroni assoluti del mondo intero.

Ecco che la spettacolarità della natura non muore con il morire dell’estate, ma acquista nuovi colori e nuove forme in grado di garantire un alto soddisfacimento dei sensi in ogni momento dell’anno!